Caro visitatore, mi presento con questo mio breve “curriculum vitae”. Sono nato a Castano Primo (MI) il 2 settembre 1940 da una famiglia di operai, mio padre falegname e mia madre tessitrice. Ho un fratello ed altre due sorelle.
Nonostante fossimo una famiglia numerosa e con evidenti difficoltà economiche, i miei genitori, dotati tra l’altro di uno straordinario senso di fiducia nel futuro, hanno permesso che io potessi studiare sino al diploma di ragioneria ottenuto nel 1959.
Nel frattempo ho maturato le prime esperienze nell’Azione Cattolica, nelle Acli e nella D.C. locale.
Ho iniziato un lavoro come impiegato amministrativo in una ditta privata nel 1959 e, dopo aver adempiuto il servizio militare col grado di sotto-tenente dei Bersaglieri nel 1963, ho maturato la convinzione che il diploma non fosse più sufficiente a soddisfare anche le mie aspettative di lavoro e così mi sono iscritto alla facoltà di Economia e Commercio dell’Università Cattolica di Milano, sezione serale. Ero quindi diventato uno studente-lavoratore.
Sono stati anni di grande intensità e fervore, caratterizzati da due eventi che normalmente sono estremamente significativi nella vita di una persona:
- il matrimonio avvenuto nel 1969, da cui abbiamo avuto una figlia oggi già sposata e con due bambine;
- la costruzione della nostra prima casa avvenuta nel 1973 e terminata nel 1976.
Finalmente gli studi sono conclusi nel 1974 con la laurea ed una tesi con il professor Piero Giarda.
Ho iniziato quindi, dopo una breve nuova esperienza lavorativa, la preparazione all’attività professionale come Dottore Commercialista ed ho aperto lo Studio a Castano Primo nel 1978, come Libero Professionista.
Nel frattempo ho iniziato a partecipare alla vita politica locale, sono stato consigliere comunale dal 1975 al 1980, dal 1990 al 1995 e dal 1999, carica quindi che conservo tuttora. Sono stato segretario di Sezione della D.C. locale negli anni 1985 e 1990 e, dopo il suo scioglimento, mi sono iscritto al PPI e successivamente alla Margherita.
Dalla fondazione del 1978 partecipo anche al Movimento per la Vita – Decanato di Castano Primo perché condivido profondamente il valore primario del diritto alla vita, come fondamento del vivere civile. Naturalmente sono consapevole dei limiti e delle resistenze che questo diritto incontra anche nell’agire politico e fa fatica a trovare degno ed aperto sostegno nei programmi dei partiti. Per questo ho aderito a questa nostra nuova associazione, pensando però di continuare a portare la mia seppur modesta testimonianza nella Margherita.
Mi piace sempre ricordare che l’impegno politico, come ci insegnava PAOLO VI, è una delle forme più esigenti di carità. Non mi pare poco.